martedì 27 agosto 2013

COMUNICATO STAMPA PDL



Pensavamo che Luigi Caroli con il ribaltone che ha gabbato la volontà dei cittadini cegliesi avesse scritto la pagina più brutta della storia politica cegliese, azzerando una coalizione democraticamente eletta, distruggendo un programma elettorale scelto dagli elettori, annientando rapporti umani e politici. Mai avremmo pensato che la sua furia autodistruttrice lo avrebbe portato ad essere attore protagonista di una mozione di revoca del Presidente del consiglio Comunale che oltre ad essere priva di presupposti giuridici , riduce la figura istituzionale del Presidente ad un semplice assessorato da dare allo scontento di turno per tirare a campare.
Ridurre il consiglio comunale ad un campo di battaglia, ridurre la presidenza del CC ad un "mercato delle vacche" è una offesa a quello di buono che rimane delle istituzioni e della politica che non può essere tollerata.
Si apre inoltre lo scenario a ricorsi al TAR che rischiano di essere pagati dai cittadini in un momento in cui la nuova maggioranza e il consiglio dovrebbero porre la propria attenzione non alle poltrone, ma ad argomenti seri come il registro tumori, la riduzione delle tasse e  come sanare i buchi di bilancio creati dalle folli spese estive.
Invece Caroli e suoi "amici del momento" da irresponsabili, si preoccupano solo di fare guerra al Presidente del Consiglio che invece sta dando nuovamente una grossa lezione di stile a molti, astenendosi dall'intervenire o partecipare a manifestazioni di partito, garantendo neutralità e terziarietà.
Bene ha fatto il capogruppo dell UDC Piccoli a tirarsi fuori da questo teatrino  e siamo certi che anche il centrosinistra non si farà abbagliare dal "nemico" Ciracì e vorrà mantenersi nel dovuto rispetto della stabilità della figura del Presidente del CC. 
Solo inesperti e senzastoria possono gettare un Comune nella voragine di una guerra legale, allontanare ancor di più i cittadini dalla politica sbeffeggiando un ruolo istituzionale super partes.
Si vede a occhi  nudi che il redivivo duo Caroli-Locorotondo ha abbassato terribilmente il livello della politica a Ceglie!

COMUNICATO STAMPA
Gruppo Consiliare PDL

11 commenti:

  1. cose mai viste a Ceglie Messapica!
    sarebbe ora di spegnere la luce, su questo triste spettacolo, il più brutto di questa estate!

    RispondiElimina
  2. hanno fatto fuori cataldo rodio, luigi preferisce giuuannied

    RispondiElimina
  3. di male in peggio. tutto in agenzia. e vai lui'

    RispondiElimina
  4. cataldo rodio è il piu' anziano ed esperto, perchè lo state facendo fuori?

    RispondiElimina
  5. essere trombato dopo aver prestato cosi' la schiena non è corretto.

    RispondiElimina
  6. Secondo me faranno figuracce a catena. Non sapranno neanche cosa dire durante il consiglio comunale, non sa leggere nessuno, come possiamo pensare che leggeranno lo statuto? Ne vedremmo delle belle e ci sarà da ridere, solo loro non sanno che sono lo specchio dell'umiliazione personale.

    RispondiElimina
  7. Altro giro altra corsa, tanto peggio di così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giro o Ciro? tanto peggio di cosi'

      Elimina
  8. Rodio perde la faccia se lo trombano per la quarta volta e vedrete che non si piegherà, lo state sottovalutando.

    RispondiElimina
  9. visto che diogene non lo pubblica lo scrivo qua.
    quelli in movimento chiedono un taglio dell'indennità al presidente del consiglio, agli assessori e ai consiglieri.
    ben vengano certe proposte.
    ma perchè dimenticano il sindaco?
    l'indennità del sindaco è di circa 2000 euro che per i 40 mesi più o meno che è in carica, significa che stiamo intorno gli 80.000 euro (ottantamila/00)
    perchè non chiedono anche di questi?
    Troppo movimento stanno facendo..... cu sti ston picca picca fermi....

    RispondiElimina
  10. prima il ragioniere era succube di nicola, ora è succube di giro e locoro tondo
    nicola con la sua relazione li ha sbugiardati punto per punto!
    che magra figura che hanno fatto con questa revoca.
    tutti i consiglieri, con un minimo di esperienza, hanno capito che la revoca è insussistente, solo sprovveduti, dilettanti e avvelenati come questi avventurieri possono immaginare di poter revocare con motivazioni false (dimostrate dai fatti da ciracì) e pretestuose, dettate solo da rancori politici.
    sulla nomina di argentiero stendiamo un velo pietoso....
    da mario annese a juannied! che livello

    RispondiElimina